Lettera del 25 Settembre 2019

Lettera del 25 Settembre 2019

La partenza è prossima, ma quest`anno l`emozione è ancora più grande, la gioia del nostro operato si sta rinnovando mese dopo mese, perché vediamo risultati che non speravamo più di poter ottenere.

Al villaggio la miseria è sempre più forte ed estesa, quasi che l`evento del porto non ancora finito, dei cellulari, di Internet e di tutti i mezzi che oggi il mondo ci propone evidenziassero ancor di più L`ATROCE MISERIA sia del luogo che delle menti delle persone, eppure, nonostante la decadenza, anni e anni di semina hanno creato un filo FORTE di fiducia e affetto tra  noi, gli insegnanti e lo staff.

I bambini, nuovi figli o fratelli o cugini di altri venuti prima che hanno aperto le loro menti e i loro cuori in modo PROFONDO, portando un cambiamento che non si è cancellato e che anzi, proprio oggi diviene motivo e forza della e per la nostra Scuola, apprendono facilmente, sono gentili, educati, grati per il pasto che almeno una volta al giorno possono avere. Sono curiosi, sanno anche dei cambiamenti climatici, lo hanno visto con i loro occhi negli ultimi anni quando, forse lo ricorderete, alcuni pescatori colpiti da trombe d’aria o cicloni (Ciclone Oky), l`ultima emergenza ad agosto di quest’anno, si sono ritrovati miracolosamente vivi a migliaia di chilometri, sballottati dall`apocalisse del mare. Sanno quanto oggi più di ieri sia pericoloso avere a che fare con l`oceano. Alcuni di loro si chiedono cosa accadrà, ma intanto il ritmo sereno e costante della scuola li fa crescere e studiare.

Negli anni il lavoro principale è stato fatto sulla Memoria, sui Principi, sui Valori che esistono al di là delle regole socio-morali dei luoghi in cui viviamo e senza alcuna imposizione religiosa o di casta .

C`é molta gratitudine in loro e questo è commovente in un tempo così folle e scarso di buon senso e di rispetto.
Quindi l`India, soprattutto i poveri dell`India, mi stupiscono, mi lasciano con il cuore sempre emozionato e contento di potermi ancora stupire.
La scuola funziona a pieno ritmo, dal mattino presto fino al pomeriggio inoltrato, le nostre insegnanti e la cuoca Lawrency mantengono il loro RUOLO, come su una nave che non è affondata nonostante le bufere e le tragedie tutt`intorno e, anzi, procede verso la sua meta con il vento in poppa.

Grazie a chi ci ha seguito in tutti questi anni e a chi ha permesso che i sogni diventassero realtà.
Grazie di essere ancora vicini a noi.

La Fondatrice
Valeria Viola Padovani

Menu